I 12 archetipi di  Carl Gustav Jung image

I 12 archetipi di Carl Gustav Jung

Carl Gustav Jung è stato un inventore del concetto di archetipi. Il suo lavoro ha influenzato molti teorici moderni tra cui Sigmund Freud, Joseph Campbell e James Hillman.

Gli archetipi di Carl Gustav Jung sono un modo per le persone di comprendere se stesse e gli altri. Quando identificano il proprio archetipo, è importante che considerino ciò di cui hanno bisogno dalla vita e ciò che non vogliono.

Introduzione: Carl Gustav Jung


Carl Gustav Jung è stato un inventore del concetto di archetipi. Il suo lavoro ha influenzato molti teorici moderni tra cui Sigmund Freud, Joseph Campbell e James Hillman. Gli archetipi sono immagini universali che provengono dall'inconscio collettivo e fanno parte della nostra autonomia individuale o personale. Sono come schemi o schemi per il modo in cui sperimentiamo la vita in base a ciò che ci è successo in passato.


Carl Gustav Jung ha inventato il termine archetipo per riferirsi ai modelli universali e comuni del nostro inconscio collettivo. Credeva che gli archetipi fossero espressi attraverso simboli e immagini, che sono scoperti dall'analisi dei sogni, dall'arte, dalla mitologia e dalla religione. Jung non credeva in una particolare figura divina, ma sosteneva un pantheon degli dei. L'obiettivo della terapia era riconciliare queste parti opposte della psiche tra loro per realizzare il proprio potenziale più profondo.


Riassunto degli Archetipi junghiani


Funzioni degli archetipi


Molte persone fraintendono cosa sia un archetipo e, di conseguenza, hanno difficoltà a capire come gli archetipi possano essere usati per la conoscenza di sé. Gli archetipi sono modelli di comportamento umano che si manifestano in vari modi in tutto il mondo. Fanno parte del nostro inconscio collettivo e influenzano la nostra percezione delle cose. Le persone che hanno una forte connessione con un archetipo mostreranno comportamenti e tendenze comuni ad esso associati.


Quindi hai letto il saggio di Jung su "Gli archetipi e l'inconscio collettivo", o forse hai anche seguito un corso introduttivo sulla psicologia junghiana. Ad ogni modo, l'unica domanda che probabilmente ti è venuta in mente è: come identifichiamo gli archetipi? Questo articolo tenterà di rispondere a questa domanda presentando due modi in cui vengono identificati gli archetipi.


Approfondiamo un pò gli archetipi:


L'archetipo della totalità


è un concetto profondo. È un tema mitologico in molte culture ed è facile capire perché. Il mito parla del nostro bisogno di sentirci integri e completi. Essere qualcosa di più di semplici delle parti separate, ma piuttosto un insieme di parti connesse tra loro e connesse al mondo che ci circonda.



Nella cultura occidentale, l'idea di integrità è stata vista come uno stato dell'essere che richiede lavoro e devozione per essere raggiunto. In altre culture, questo concetto non è così apprezzato come all'interno della società occidentale. Nella filosofia orientale, ad esempio, l'integrità è vista come una qualità innata che non è sempre disponibile se non ci prendiamo cura di noi stessi e lasciamo che i nostri bisogni personali abbiano la precedenza.


L'idea di totalità non è un concetto nuovo. Esiste da secoli, ma è spesso difficile da definire o comprendere. Per comprendere meglio il concetto, è consigliato esplorare le sue varie definizioni e la sua origine.


L'inconscio è un archetipo


Fa parte dell'inconscio collettivo. Gli archetipi sono idee, immagini o modelli universalmente presenti in tutte le culture. Gli archetipi dell'inconscio includono l'eroe, il vecchio saggio e il bambino.


L'archetipo è uno dei concetti più antichi e fondamentali della psicologia junghiana. È definito come


"l'immagine primordiale, universale... esprime ciò che è comune a tutti gli uomini".


L'archetipo dell'inconscio si riferisce ai modi in cui le persone rispondono inconsciamente a realtà invisibili o non dette nelle loro vite. Questa idea è stata introdotta come detto prima per la prima volta dallo psichiatra svizzero Carl Jung più di 100 anni fa. Gli archetipi, come quello dell'inconscio, sono presenti universalmente in letteratura, arte, cinema e religione.


L'Anima e l'Animus


Sono entrambe immagini archetipiche che derivano dal concetto di psicoanalisi. L'archetipo dell'anima è spesso simboleggiato da una figura femminile, mentre l'archetipo dell'animus è spesso simboleggiato da una figura maschile. Questi archetipi non sono esclusivamente associati a uomini o donne, perché possono essere trovati in entrambi i sessi. Questi simboli derivano dalla psicologia umana perché la psiche è divisa in due parti: la mente conscia e l'inconscia.


La psiche umana è un'entità complessa e unica. È composto da molti aspetti diversi che funzionano in armonia l'uno con l'altro, ma hanno anche il potenziale per entrare in conflitto l'uno con l'altro. Gli analisti junghiani hanno identificato due di questi aspetti come gli archetipi anima e animus.


La psiche umana è un'entità complessa e unica. È composto da molti aspetti diversi che funzionano in armonia l'uno con l'altro, ma hanno anche il potenziale per entrare in conflitto l'uno con l'altro.


Gli archetipi dell'ombra e della persona


Possono fornire un quadro psicologico per comprendere le dinamiche tra le persone nelle relazioni. L'archetipo dell'ombra è quello del lato oscuro e nascosto di una persona che in genere non è riconosciuto o accettato dall'individuo. L'archetipo della persona è il volto che presentiamo agli altri e che vediamo allo specchio. La relazione tra questi due archetipi offre un'opportunità di autocoscienza e accettazione; offre anche approfondimenti sulle nostre relazioni con gli altri.


Gli Archetipi Ombra sono spesso vissuti come il lato oscuro della nostra personalità, le cose che non vogliamo ammettere su noi stessi. L'ombra simboleggia anche sentimenti e pensieri negativi che potrebbero essere stati repressi o ignorati. La personalità di una persona risulta dall'interazione dinamica tra qualità chiare - o positive - e qualità oscure - o negative.


Lo studio degli archetipi numinosi


È un metodo di esplorazione della psiche che si concentra sui simboli universali. È comune in molte culture e religioni diverse. Ad esempio, nella nostra cultura, le immagini di Gesù ricordano che era umano, che ha sofferto per tutti noi e che si è sacrificato per noi. L'archetipo numinoso è considerato un'esperienza quando si incontra qualcosa di così potente o bello da creare un'impressione indelebile nella loro mente.


Numerose culture antiche credevano nell'esistenza di un ordine sottostante fondamentalmente inconoscibile. Queste culture spesso attribuivano i fenomeni naturali a varie forze divine, molte delle quali si dice siano personificate come archetipi che rappresentano la loro manifestazione. Il concetto dell'idea dell'archetipo numinoso ha recentemente preso piede nel pensiero moderno, con alcuni studiosi che ne attribuiscono la nascita a un crescente interesse per il panteismo e l'animismo.


C'è molto da dire ma per il momento diamo giusto un infarinata.


In generale, la psicologia analitica spiega che l'archetipo è un essere indipendente.


Una valutazione psicologica analitica indica che il fondamento genetico del comportamento è quasi inevitabile che si presenti.


I 12 Archetipi di Jung



L'innocente


Coloro che si identificano con l'archetipo innocente a volte vengono criticati per essere ingenui o troppo fiduciosi. Possono essere visti come estranei dalla società perché non sempre si conformano allo status quo. Possono essere persone molto compassionevoli e premurose e spesso sono attratte dall'aiutare gli altri. Tuttavia, possono anche essere visti come deboli o timidi e possono essere sfruttati per questo.


    Obiettivo: Essere Felice.

    Timore: Essere castigato per aver commesso un errore o aver sbagliato qualcosa.

    Debolezza: Fidarsi troppo degli altri

    Talento: fede nella vita e apertura mentale


L'Amico


L'archetipo dell'amico rappresenta coloro che sono affidabili, realistici e onesti. Gli amici sono spesso lì l'uno per l'altro nei momenti difficili e possono essere contati per il supporto. Di solito sono anche onesti l'uno con l'altro, il che può aiutare a creare fiducia. Gli amici possono fornire un senso di realismo e onestà nella propria vita, il che può essere rassicurante.


    Obiettivo: Senso di appartenenza

    Timore: rimanere escluso o spiccare rispetto agli altri

    Debolezza: Può essere eccessivamente cinico

    Talento: Onesto, buona apertura verso gli altri, pragmatico e realista.


L'Eroe


L'archetipo dell'eroe è quello che si sforza di essere forte e difendere gli altri. Spesso hanno un forte senso di giustizia e moralità e sono spesso disposti a mettersi in pericolo per aiutare gli altri. Possono anche avere altre qualità come forza, coraggio e determinazione.


    Obiettivo: Aiutare gli altri e proteggere i più deboli

    Timore: Essere visto in situazione di debolezza o timore

    Debolezza: Arroganza, ha sempre bisognmo di nuove battaglie da combattere

    Talento: Competente e coraggioso


Il Custode


Coloro che si identificano con l'archetipo del custode (caregiver) sono pieni di empatia. Hanno un forte desiderio di aiutare gli altri e spesso antepongono i bisogni degli altri ai propri. I custodi sono in genere persone molto compassionevoli e pazienti. Spesso sono abili nell'ascoltare e sono bravi a fornire supporto agli altri.


    Obiettivo: Aiutare gli altri

    Timore: Essere considerato egoista

    Debolezza: Facilmente le persone approfittano della sua bontà

    Talento: Compassione e generosità


L'Esploratore


L'archetipo dell'esploratore non è mai felice a meno che non provi nuove emozioni. È costantemente alla ricerca di nuove sfide e nuove opportunità da esplorare. Questo a volte può renderli spericolati, poiché sono sempre alla ricerca della prossima grande avventura. Ma allo stesso tempo li rende anche molto avventurosi e aperti a nuove esperienze. Sono sempre alla ricerca di ampliare i propri orizzonti e imparare cose nuove.


    Obiettivo: Sperimentare quante più vite possibili in un'unica vita

    Timore: Rimanere incastrato o essere obbligato a conformarsi

    Debolezza: Continuare a muoversi senza una meta specifica con incapacità di legarsi a qualsiasi cosa

    Talento: È fedele ai suoi desideri e prova ancora stupore nelle piccole cose



Il Ribelle


L'archetipo ribelle è qualcuno che si ribella allo status quo perché crede che qualcosa non va nel mondo e debba essere cambiato. Sono spesso motivati da un senso di giustizia e dal desiderio di rendere il mondo un posto migliore. Tuttavia, il ribelle è anche disposto a infrangere le regole e sfidare l'autorità per raggiungere i propri obiettivi. Possono essere visti come estranei o rivoluzionari che non hanno paura di difendere ciò in cui credono.


    Obiettivo: Distruggere ciò che non funziona

    Timore: Ha paura di essere incapace di sostenere un cambiamento

    Debolezza: Tende ad ossessionarsi con le proprie cause

    Talento: Ha grandi idee e ispira gli altri a unirsi a lui come un leader



L'Amante


L'archetipo dell'amante sono in armonia con tutto ciò che fanno. Sono in grado di trovare un equilibrio nel mezzo di qualsiasi conflitto. La loro complessa comprensione del mondo permette loro di essere in pace con se stessi e con coloro che li circondano. Nonostante le difficoltà che possono incontrare, rimangono saldi nella ricerca della felicità e della realizzazione.


    Obiettivo: Vuole restare in armonia con le persone, il lavoro e la situazione che stanno vivendo

    Timore: Sentirsi non voluto o non amato

    Debolezza: Ha il desiderio di compiacere gli altri con il rischio di perdere la sua identità

    Talento: Nutre una grande passione, apprezzamento e diplomazia


Il Creatore


L'archetipo del creatore è nato per creare qualcosa che ancora non esiste. Questo creatore è motivato da un senso di scopo e dal desiderio di portare qualcosa di nuovo nel mondo. Spesso hanno una visione di ciò che vogliono creare e sono spinti a trasformare la loro visione in realtà. Il processo creativo è spesso impegnativo, ma è anche gratificante, poiché il creatore può vedere la propria creazione prendere vita.


    Obiettivo: Creare cose che durano nel tempo e che mantengano il loro valore

    Timore: Temono non creare nulla di importante

    Debolezza: Hanno un perfezionismo che tende a diventare un ostacolo quando hanno paura che il loro creato non sia perfetto

    Talento: Hanno molta creatività e altrettanta immaginazione


Il Folle


L'archetipo del folle ama animare le feste con umorismo e trucchi, tuttavia hanno un'anima. Usano il loro umorismo e i loro trucchi per riempire il loro vuoto interiore ed evitare il loro dolore. Tuttavia, hanno anche la capacità di un profondo amore e compassione.


    Obiettivo: Alleggerire il mondo e far divertire gli altri

    Timore: Ha paura di essere percepito noioso dagli altri

    Debolezza: Spesso frivolo, perde tempo e nasconde le sue emozioni dietro ad un velo comico o umoristico.

    Talento: Riesce a percepire il lato divertente in tutto e utilizza il divertimento per cambi positivi in sè e negli altri


Il Saggio


L'archetipo del saggio valorizza le idee sopra ogni altra cosa. Tuttavia, a volte possono sentirsi frustrati. Questo perché sono costantemente alla ricerca di conoscenza e comprensione, e quando non hanno accesso a queste cose, si sentono limitati e bloccati.


    Obiettivo: usa la saggezza e l'intelletto per comprendere il mondo in maniera profonda e mostrarlo agli altri

    Timore: Teme essere ignorante o essere percepito come uno stupido

    Debolezza: Non può prendere una decisione perchè crede di non avere mai abbastanza informazioni

    Talento: Saggezza, intelligenza e curiosità che lo porta a migliorare continuativamente



Il Mago


L'archetipo del mago è spesso molto carismatico. Ha una vera fiducia nelle sue idee e desideri. I maghi sono spesso in grado di manipolare il mondo che li circonda per ottenere ciò che vogliono. Sono in grado di usare il loro carisma e potere per influenzare persone e situazioni.


    Obiettivo: comprendere le leggi fondamentali dell'universo

    Timore: Teme gli accadimenti e le conseguenze negativi non previsti o non voluti

    Debolezza: Ha la tendenza a diventare manipolatore ed egoista

    Talento: Riesce a trasformare l'esperienza quotidiana della vita delle persone offrendo loro un nuovo punto di vista e di osservare la vita


Il Sovrano


L'arquetipo del sovrano è spesso attratto dal controllo e spesso ha una visione chiara di ciò che vuole ottenere. Sono leader naturali a cui piace essere al comando e non hanno paura di correre rischi. Di solito sono individui decisi e analitici che prendono buone decisioni sotto pressione.


    Obiettivo: Creare una famiglia o comunità prosperosa e di successo

    Timore: Teme il caos, teme di essere superato o spodestato

    Debolezza: Tende ad essere autoritario e non riesce a delegare nulla

    Talento: Ha il talento di essere responsabile ed essere portato ad essere un leader


Conclusione:


In conclusione, i 12 archetipi di Jung sono universalmente applicabili e contengono il potenziale per aiutarci a capire meglio noi stessi e gli altri.


In primo luogo, possiamo tutti imparare dall'archetipo della "persona". In secondo luogo, tutti possiamo trarre vantaggio dalla comprensione e dal rispetto del tipo di "ombra" che ciascuno proietta sugli altri. Terzo, possiamo tutti lavorare per comprendere meglio la nostra "anima/animus" o la nostra anima gemella.


-Carl Gustav Jung ha creato 12 archetipi che sono stati usati come un modo per comprendere se stessi e gli altri.


-I diversi tipi possono essere identificati osservando praticamente le tendenze e reazioni di una persona in determinate situazioni.


Puoi studiare tutti gli archetipi qui.

moon